Costituzione

REPUBBLICA ITALIANA

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

Vista la domanda prodotta dall’esecutore testamentario Avv. Giambattista Toscani, diretta ad ottenere la costituzione in Ente Morale dell’Opera Pia Anna Maria ed Alessandro Antoniadi Maurocordato con sede in Treviso e dotato di un cospicuo patrimonio;

Visto il testamento olografo 11 novembre 1942 del Principe Maurocordato pubblicato l’11 novembre 1943 dal notaio Luigi Candiani di Venezia;

Visti gli atti, tra i quali il parere espresso dall’Opera Nazionale per la protezione della Maternità e dell’Infanzia, e dal Comitato Provinciale di Assistenza e Beneficenza Pubblica;

Vedute le leggi 17 luglio 1890, n.6972; 21 giugno 1896, n.218; 18 luglio 1904, n.390; i relativi regolamenti, nonchè i RR.DD..4 febbraio e 30 dicembre 1923, n. 214 e 2841; la legge 17 giugno 1926, n.1187; il T.U. 24 dicembre 1934, n.2316; la legge 3 giugno 1937, n.847 ed il D.L.L. 22 marzo 1945 n.173;

Udito il parere del Consiglio di Stato, in data 14 febbraio 1950;
Sulla proposta del Ministro dell’Interno;

DECRETA

Art.1 – L’Opera Pia Anna Maria ed Alessandro Antoniadi Maurocordato, con sede nel Comune di Treviso, è eretta in Ente Morale.

Art. 2 – Con successivo decreto sarà provveduto all’approvazione dello statuto organico dell’Ente.

Il presente decreto, munito del sigillo dello Stato sarà inserito nella Raccolta Ufficiale delle Leggi e dei Decreti della Repubblica Italiana. E’ fato obbligo a chiunque spetti di osservarlo e di farlo osservare.

Dato a Roma, addì 25 marzo 1950